Perdita di memoria e costellazioni familiari

    1. Perdita di memoria: cancellare i ricordi di una vita
    2. Rimuovere i ricordi dolorosi per continuare a vivere
    3. Prevenire e contenere la perdita di memoria è possibile?
    4. “Mia madre ha  perso la memoria”
    5. Gli effetti familiari della perdita di memoria

Foto di copertina: Immagine di katemangostar su Freepik

Perdita di memoria: cancellare i ricordi di una vita

La perdita di memoria è un fenomeno piuttosto diffuso. Nella nostra società, infatti, insieme al prolungamento dell’aspettativa di vita, si sono diffusi sintomi legati alla terza età, alcuni dei quali hanno preso dimensioni importanti.

Di certo la perdita di memoria è uno di questi. 

E’ bene precisare innanzitutto che le costellazioni familiari non sono da intendersi come un metodo alternativo o sostitutivo alla medicina tradizionale o alla psicologia. Si tratta di un metodo di lavoro personale e di supporto alla crescita spirituale.

Uno dei problemi più diffusi è quello della perdita di memoria a breve e medio termine. Progressivamente la cancellazione dei ricordi può diventare sempre più estesa e può arrivare fino all’età giovanile. L’anziano può così trovarsi a vivere nelle immagini della propria infanzia e identificare le persone attorno a lui come quelle che aveva allora, non riconoscendole. 

Questa impronta vuole offrire un punto di vista su questa problematica dal punto di vista familiare e di una risposta biologica sensata dell’organismo.

Per fare questo parlerò di ciò che ho potuto studiare e osservare nell’ambito delle costellazioni familiari.

Per questi motivi se desideri proseguire nella lettura ti consiglio di mettere un attimo da parte tutti i pregiudizi e ogni visione vittimistica o drammatica di questa malattia per poterti aprire a una possibile nuova visione.

donna anziana con gli occhi chiusi: la perdita di memoria corrisponde alla cancellazione dei ricordi
Photo by Daniel Franco on unsplash

Rimuovere i ricordi dolorosi per continuare a vivere

Alla base della perdita di memoria e della sua insorgenza sembra vi possano essere vari meccanismi nascosti. Alcuni di questi parlano di “ereditarietà”, in questo è possibile intravedere dal punto di vista sistemico, il meccanismo dell’irretimento che ho spiegato a questo link.

Vi è, però, un meccanismo di difesa dai ricordi dolorosi piuttosto evidente che ho potuto osservare durante varie sedute di costellazioni familiari. Mi è capitato piuttosto frequentemente di avere come clienti figli di persone anziane affette da perdita di memoria.

In tutti i casi osservati ho riscontrato il meccanismo di cui vado a parlare e che ho potuto studiare anche in ambito bibliografico.

Una drammatica separazione

Le persone affette da perdita di memoria hanno in genere subito durante la loro vita una separazione molto dolorosa. Questa separazione può essere una morte prematura, un abbandono nell’ambito della relazione o qualsiasi altra perdita in grado di generare una grave sofferenza psicologica.

In questi casi la risposta biologica sensata del cervello è:

“dimentico per sopravvivere”

E’ possibile quindi identificare alla base di questa malattia l’incapacità di accettare una perdita e allo stesso tempo l’impossibilità di convivere col ricordo della stessa.

Se, a quanto pare, è vero che chi è affetto da perdita di memoria ha subìto una grave perdita o dolore, non è altrettanto vero il contrario. Chi, infatti, ha subito una grave perdita o un grande dolore nella vita può reagire in modi diversi in base alla propria predisposizione e alla propria volontà, non necessariamente perdendo la memoria.

Vi sono, infatti, altri due modi possibili, alternativi al dimenticare, per rispondere a un grande dolore o perdita e questi sono riassunti nelle frasi:

    • “Io ti seguo”: in questo caso in genere una persona entro due anni dalla perdita muore per malattia, per incidente o suicidio
    • “Io rimango qui, ancora per un po’”: in questo caso la persona guarda alla vita e ciò che ancora si sente chiamato a compiere ancora in questa dimensione.
Uomo anziano con sguardo perso. La perdita di memoria fa perdere i riferimenti
Photo by yerling villalobos on unsplash

Prevenire e contenere la perdita di memoria è possibile?

E’ estremamente difficile dare una risposta a questa domanda. Visti i presupposti del paragrafo precedente potrebbe esserlo prima di tutto affrontando i lutti, le perdite e i grandi dolori della vita. Questi, infatti, tenuti nascosti nel proprio cuore come delle ferite mai rimarginate, possono a lungo andare diventare pesi insopportabili.

Potere avere una nuova visione su perdite e traumi, una visione in grado di poterli gradualmente accettare e lasciare andare interiormente può costituire un aiuto molto importante per non cadere nell’oblio della cancellazione dei ricordi.

L’approccio delle costellazioni familiari, visto come uno strumento utile a tornare in armonia col flusso della vita, può essere quindi un metodo molto utile allo scopo di prevenire malattie degenerative del cervello.

“Mia madre ha perso la memoria”

Questa è una frase che mi sono sentito dire più volte durante le sedute di costellazioni familiari. Ne voglio raccontare in particolare una che mi ha toccato nel profondo per affrontare il tema della perdita di memoria dal punto di vista dei figli.

La messa in scena della costellazione

Una donna, in lacrime, mi dice che sua mamma ha perso la sua memoria e da anni è in costante declino cognitivo.

Le chiedo che rapporto c’era fra loro e lei di dice: “Inesistente e molto duro”. Lo dice con uno sguardo pieno di rancore e teso.

Faccio mettere in scena, quindi, una rappresentante per la donna e una per la mamma.

Le due rappresentanti sono molto tese come in un duello e una sfida continua. La costellazione è bloccata e non si vedono spiragli.

Faccio entrare una rappresentante per la perdita di memoria.

Subito la malattia non sa dove mettersi, non trova posto nella scena. Poi, lentamente, prende per mano la mamma e la conduce dolcemente dalla figlia che l’abbraccia piangendo.

La donna in lacrime mi dice: “E’ vero, da quando è ammalata è come una bambina, per la prima volta possiamo avere una relazione amorevole”. 

Suggerisco quindi alla donna di rivolgersi alla rappresentante della mancanza di memoria dicendole: “Grazie a te mi sono potuta riavvicinare a mia madre. Grazie, ora il tuo compito è terminato, grazie.”

A seguito di questa frase le tre rappresentanti si abbracciano e la rappresentante della mancanza di memoria esce dalla scena sollevata.

Il dopo costellazione 

Cosa succederà dopo la costellazione non ci è dato a sapere. Possiamo comunque essere certi con questo lavoro sistemico di avere dato una nuova possibilità alla madre. 

Quello che è certo è che è cambiato il punto di vista ella figlia sulla perdita di memoria della madre. Da oggi non la guarderà più come un semplice “accidente” avendone compreso il significato profondo, al di là del bene e del male.

Questa forma di accettazione libera anche da possibili irretimenti futuri che si sarebbero potuti innescare a seguito di un rifiuto e di una esclusione del problema della madre.

Uno dei benefici effetti collaterali di questa costellazione è anche dare un nuovo senso alle cure amorevoli della figlia nei confronti della madre. 

Gli effetti familiari della perdita di memoria

Come si è potuto osservare in questa costellazione e come mi è capitato quasi sempre con malattie di decadimento cognitivo senile, queste patologie possono aiutare una riconciliazione quasi impossibile.

Ogni volta che mi è capitato di mettere in scena una di queste infermità, sono stati i figli stessi ad affermare che senza di essa non si sarebbero potuti riavvicinare al genitore.

Questa visione ci consente di guardare a disturbi come la perdita di memoria togliendo le etichette di “bene” e di “male” che siamo soliti porre su tutto e permetterci un livello di comprensione della vita e delle sue vicissitudini molto più profondo.

Questa problematica, perciò, si mostra a volte non solo come uno strumento necessario di rimozione di porzioni di memorie dolorose, ma anche l’opportunità di riavvicinamento e di riconciliazione fra genitori e figli.

Chiaro che per arrivare a questa presa di coscienza per nulla scontata è richiesto da parte dei figli coinvolti un livello di accettazione e di apertura di cuore per nulla scontati, nonché una visione libera dagli schemi sociali.

vuoi approfondire questo argomento con una costellazione o ricevere informazioni riguardo?

Bibliografia consigliata:

copertina del libro: perché Buddha non aveva l'alzheimer
Perché Buddha non aveva l'alzheimer

Un approccio innovativo per una patologia sempre più diffusa, attraverso la meditazione, lo yoga e l'arte - Shuvendu Sen

Iscriviti alla newsletter

Scusa l'interruzione, vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti riguardo gli eventi e i post di impronte verticali?

GDPR

Pubblica un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto Protetto